Il ruolo della correzione delle carenze in micronutrienti in salute e malattia


La correzione delle carenze organiche contribuisce in modo significativo alla prevenzione e al trattamento di infezioni e malattie croniche

Sono incoraggianti i risultati di un nuovo studio, pubblicato su una delle riviste mediche più prestigiose al mondo, riguardanti l'effetto di vitamine e micronutrienti sul miglioramento della salute.

Dott. Dimitris Tsoukalas

Recentemente, un numero significativo di studi scientifici ha rafforzato l'importanza di ripristinare le carenze dell'organismo e mantenere uno stato metabolico sano, nella prevenzione e nel trattamento di infezioni e malattie croniche.

Un recente studio pubblicato su 
BMJ Nutrition and Public Health, conferma che la correzione delle carenze di vitamine e micronutrienti, insieme a una buona salute metabolica, sono efficaci nella prevenzione e nel trattamento di infezioni e malattie croniche quali le infezioni respiratorie, il diabete, l'obesità, le malattie infiammatorie croniche e le disfunzioni del sistema immunitario[1].

La mancanza anche di un solo micronutriente può ridurre significativamente l'efficacia del sistema immunitario e aumentare la suscettibilità alle infezioni.

Alcuni gruppi della popolazione hanno maggiori probabilità di presentare carenze di micronutrienti, mentre alcune malattie e tipi di terapie aggravano ulteriormente la condizione, aumentando il rischio di ammalarsi e deteriorando la salute di questi individui.

La correzione delle carenze e la somministrazioni di dosi terapeutiche di vitamine e minerali può ridurre il rischio di ammalarsi e migliorare il decorso della salute nei casi di infezioni respiratorie, nonché malattie croniche.

Il sistema immunitario protegge il corpo dai microrganismi patogeni (batteri, virus, parassiti, funghi). Per affrontare questa vasta gamma di minacce, il sistema immunitario si è evoluto per includere una varietà di cellule, molecole e funzioni specifiche.
[2]. È sempre attivo, rileva la presenza di microrganismi e aumenta la sua risposta nel caso in cui una persona sia infettata da un microrganismo patogeno.

L'aumento della risposta immunitaria è accompagnato da un aumento della velocità dei processi metabolici, come la produzione di:



  • Globuli bianchi
     
  • Anticorpi
     
  • Molecole dotate di attività antimicrobica (peptidi antibiotici)
     
  • Molecole che regolano l'infiammazione
     
  • Ingredienti che accelerano i processi di guarigione dei tessuti


È stato dimostrato che vitamine specifiche (A, B6, B12, folato, C, D ed E) e oligoelementi (zinco, rame, selenio, ferro, magnesio) svolgono un ruolo chiave nel sostenere il sistema immunitario umano e ridurre il rischio di infezioni croniche e malattie autoimmuni quali le malattie cardiovascolari, il diabete e il cancro[3].

Sono importanti anche altri nutrienti essenziali come gli amminoacidi, gli acidi grassi, i probiotici e gli antiossidanti.

I micronutrienti agiscono principalmente attraverso 3 meccanismi:



  1. Rafforzano e riequilibrano l'azione del sistema immunitario.
     
  2. Controllano l'infiammazione.
     
  3. Sono coinvolti nella produzione delle cellule, degli ormoni e degli elementi costitutivi necessari di cui ha bisogno l'organismo per riprendersi da una malattia.

 
Nei paesi occidentali, si riscontrano spesso carenze di micronutrienti e disturbi metabolici quali:



  • Resistenza all'insulina
     
  • alterazione della flora microbica
     
  • Infiammazione cronica
     
  • Disfunzione immunitaria


I medici dovrebbero esserne consapevoli e dovrebbero tenerne conto durante il trattamento di infezioni e malattie croniche.


Immagine 1. I fattori metabolici (carenze, dieta, ipertensione, glicemia alta, obesità, iperlipidemia, aumento del consumo di alcol) sono la principale causa di malattia in tutto il mondo. F. Branca et. al. The BMJ 2019.

 
Nei casi in cui il controllo risulta difficile, deve essere garantito l'apporto di nutrienti essenziali, in conformità con le linee guida di buona pratica clinica.

La correzione di carenze stabilite di micronutrienti, o in alcuni casi di carenze potenziali, può aiutare a supportare la funzione immunitaria e ridurre il rischio di infezioni respiratorie e dal nuovo coronavirus (COVID-19).[1].


Esami speciali per l'individuazione di carenze e disturbi metabolici

 Ciò che è chiaro è che le condizioni di carenza di nutrienti influenzano il funzionamento del sistema immunitario e dei processi fisiologici dell'organismo, aumentando il rischio di sviluppare malattie.

È importante sottolineare che queste conseguenze possano essere invertite correggendo le carenze. È stato dimostrato che livelli di micronutrienti adeguati, oltre a migliorare lo stato metabolico in generale, risulta importante nella prevenzione e nel trattamento delle infezioni e delle malattie croniche.[1]
[4][5].

Fino a pochi anni fa, registrare accuratamente le carenze in ogni individuo era particolarmente difficile con i metodi di misurazione convenzionali. Pertanto la loro correzione si basava su linee guida generali. Negli ultimi anni sono stati resi disponibili esami speciali che misurano la concentrazione di piccole molecole, che partecipano alle reazioni chimiche dell'organismo, e registrano le carenze e i disturbi metabolici in modo accurato.
[6].

Gli 
esami metabolomici sono uno strumento diagnostico aggiuntivo a disposizione dei medici. Registrano accuratamente le carenze di micronutrienti e consentono la loro correzione immediata mediante somministrazione di dosi terapeutiche[7][8].

È particolarmente incoraggiante che sempre più prove scientifiche confermino il fatto che la correzione delle carenze dell'organismo e il ripristino del metabolismo possono cambiare radicalmente il corso di una vasta gamma di malattie o prevenirne l'insorgenza.

La messa a disposizione di strumenti aggiuntivi aiuta medici e pazienti e permettono di affrontare i problemi di salute attraverso un approccio integrato. La soppressione di un agente patogeno è accompagnata a interventi medici di precisione che mirano al miglior ripristino possibile della normale funzione dell'organismo.



Bibliografia


 

 

[1] Dietary micronutrients in the wake of COVID-19: an appraisal of evidence with a focus on high-risk groups and preventative healthcare Shane McAuliffe et. al. BMJ, Nutrition, Prevention & Health. 18 June 2020.
[2] Nutrition, immunity and COVID-19. Philip C Calder. BMJ, Nutrition, Prevention & Health. 9 July, 2020.
[3] Metabolic profiling of organic and fatty acids in chronic and autoimmune diseases. Evangelia Sarandi, Dimitris Tsoukalas et. al. Advances in Clinical Chemistry. July 15, 2020. Elsevier Inc.
[4] Transforming the food system to fight non-communicable diseases. Francesco Branca et. al.  BMJ 2019.
[5] The Role of Nutrients in Reducing the Risk for Noncommunicable Diseases during Aging. Maaike J Bruins , Peter Van Dael , Manfred Eggersdorfer. Nutrients . 2019 Jan 4.
[6] Höller U , Bakker SJL , Düsterloh A , et al . Micronutrient status assessment in humans: current methods of analysis and future trends. TrAC Trends in Analytical Chemistry 2018.
[7] Tsoukalas, D. et al. Targeted Metabolomic Analysis of Serum Fatty Acids for the Prediction of Autoimmune Diseases. Front. Mol. Biosci. 6, 1–14 (2019).
[8] Metabolic Fingerprint of Chronic Obstructive Lung Diseases: A New Diagnostic Perspective Dimitris Tsoukalas, Evangelia Sarandi, Maria Thanasoula, Anca Oana Docea, Gerasimos Tsilimidos, Daniela Calina, and Aristides Tsatsakis. Metabolites. 26 November 2019

 

Avete domande su Metabolomica? Contattaci