La prevenzione è la migliore "medicina"

Preventing through lifestyle is the best medicine

Dott. Dimitris Tsoukalas
Medico Chirurgo 


Sappiamo tutti che uno stile di vita sano è di grande rilievo per lo sviluppo di futuri effetti sulla salute. Ma fino a che punto può influire sulla nostra salute e proteggerci dalle malattie?

In uno studio pubblicato su "Archives of Internal Medicine", che ha coinvolto 23.153 persone di età compresa tra 35 e 65 anni, i ricercatori hanno monitorato questi soggetti per 8 anni relativamente all'insorgenza di:

·       Diabete
·       Infarto miocardico
·       Ictus e
·       Neoplasie

L'obiettivo degli scienziati era di registrare la riduzione del rischio di insorgenza di queste malattie in relazione a 4 fattori di salute:

·       Obesità
·       Tabagismo
·       Dieta sana e
·       Attività fisica

Quindi, quanto influiscono i quattro principali fattori dello stile di vita sulla prevenzione di importanti malattie croniche?

I risultati sono stati considerevoli. Le persone che seguivano una dieta sana, che mantenevano il peso normale, che praticavano attività fisica e non fumavano, evidenziavano una riduzione del rischio di sviluppare una grave malattia cronica pari all'80%. Il rischio di soffrire di diabete si riduceva del 93%, d'infarto miocardico dell'81%, dell'ictus del 50% e lo sviluppo di neoplasie del 36%.

Le conclusioni di questo studio indicano che quattro semplici fattori, evitare il fumo, mantenere un peso nella norma, praticare regolare esercizio fisico e adottare una dieta sana, possono contribuire significativamente alla prevenzione di malattie croniche.

La promozione della salute come mezzo terapeutico 
La medicina moderna ha fatto enormi progressi nell'affrontare situazioni pericolose per la vita. Si scoprono continuamente nuovi farmaci e metodi diagnostici per curare meglio le malattie.

Questo approccio tuttavia concentra l'attenzione sulla malattia. Solitamente aspettiamo di ammalarci prima di fare qualcosa per la nostra salute, o pensiamo che un medicinale riuscirà a curare qualsiasi problema di salute. Tuttavia, la verità è che la malattia non si manifesta della carenza di un farmaco nell'organismo, o perché siamo semplicemente sfortunati. La malattia è la manifestazione dell'alterazione del normale funzionamento corporeo.

Attraverso lo ricerca di cui sopra, si evidenzia l'importanza di uno stile di vita sano, che quasi elimina la comparsa dei principali fattori di morbilità e mortalità nelle società moderne. Il farmaco più efficace fino ad oggi riduce l'incidenza del diabete del 31%, mentre il cambiamento dello stile di vita ne impedisce la manifestazione del 93%. Sebbene l'assunzione di farmaci volti a ridurre il colesterolo e prevenire l'infarto abbia risultati discutibili nei soggetti sani, uno stile di vita più sano riduce l'incidenza dell’infarto dell'81%.

Cosa ci impedisce di seguire uno stile di vita sano?
Allora perché se vivere in modo sano è la migliore "medicina", non adottiamo questa scelta?

Il più grande ostacolo siamo noi stessi. È vero che siamo bombardati da un marketing spietato che crea dipendenza da cose che alcuni anni fa non esistevano. Siamo inondati di immagini che mostrano gente felice che beve una bevanda colorata e cibo preconfezionato, e tutti sono uomini e donne con corpi belli e magnifici, ma la verità è che per essere in forma quelle persone non assaggiano nemmeno quegli alimenti.

Siamo noi però a decidere. Diamo un'occhiata a ciò che accade nella nostra mente, prima di fare qualcosa che sappiamo essere dannoso per la nostra salute. Iniziamo un dialogo interiore con noi stessi e finiamo per giustificare la nostra scelta con l'argomentazione: "Non vogliamo vivere una vita piena di privazioni per essere sani. Che valore ha una vita piena di privazioni?’’

La verità è che quando affermiamo che non vogliamo vivere una vita piena di privazioni, questa affermazione è spesso inesatta. Nella maggior parte dei casi parliamo di dipendenza. Dipendenza da zucchero, dolci, bevande analcoliche, alimenti confezionati, alcool, sigarette, ecc. Con la stessa logica, l'astinenza dall'uso di narcotici o altre sostanze nocive può essere considerata come una "privazione". In realtà, non è una limitazione, ma una scelta ragionevole, e il non uso o l'abuso di sostanze chimiche non destinate al corpo umano.

Quando si segue una dieta malsana, di solito ci si sente peggio di quanto si percepirebbe se l'organismo funzionasse correttamente. I livelli di energia sono bassi, si sente tensione o stanchezza, fastidi dispeptici, gonfiore e spesso l’umore non è buono. Non è facile identificare cosa ci fa male perché è un processo continuo. Si perde la capacità di "ascoltare" il proprio corpo.

Ma quando seguiamo le abitudini che aiutano il corpo ad essere più sano, ci sentiamo molto meglio a tutti i livelli. Questo non è qualcosa che osserveremo in futuro, ma nell'immediato. È qualcosa che viene vissuto fin dai primi giorni.
Quando si segue un’alimentazione e uno stile di vita che aiutano il nostro corpo a funzionare bene, allora possiamo consumare qualcosa che non sia assolutamente sano in modo da non sentirci deprivati.

Attraverso la mia esperienza di medico ho più volte rilevato che è necessario uno sforzo costante e incessante per arrivare alla malattia. Il problema sta nel fatto che lo facciamo costantemente da anni senza rendercene conto.

Prevenzione
La prevenzione essenziale è ripristinare il normale funzionamento del corpo.

Il test dell'Analisi Metabolomica® eseguito presso le nostre cliniche riflette le carenze e le esigenze dell'organismo, dovute sia a fattori endogeni come la predisposizione genetica, sia esterni (alimentazione, esercizio fisico, stress), mirando alla prevenzione e al trattamento personalizzato. Il test identifica precocemente alterazioni molto prima della manifestazione in malattia. Secondo la Scuola di Medicina di Harvard, l'analisi metabolomica è il metodo più accurato per valutare la salute di una persona.

È uno strumento della Medicina di Precisione, che misura molecole molto piccole coinvolte nelle reazioni chimiche del corpo umano e fornisce dati accurati per prevenire e ripristinare efficacemente il normale funzionamento dell'organismo.

I fattori identificati sono relativi a:
·       carenze di vitamine, minerali, amminoacidi, e acidi grassi omega 3
·       la capacità del corpo di produrre energia (funzione mitocondriale)
·       il funzionamento del sistema nervoso
·       il carico tossico sul corpo
·       la capacità antiossidante del corpo
·       il microbiota intestinale
·       l'infiammazione nascosta
·       il metabolismo di proteine, carboidrati e lipidi e

Si identificano ulteriori indicatori della deviazione dell'organismo dalla normale funzione e fattori di stress che si sono manifestati e che spesso vengono trascurati. 

I risultati delle Analisi e la Terapia 
La terapia per ripristinare l'equilibrio biochimico del corpo è formulata secondo le carenze, disfunzioni, squilibri e necessità dell'organismo identificati con la Metabolomic Analysis®. Comprendente la raccomandazione di specifici integratori, vitamine, minerali, aminoacidi e dieta mirata.

Il graduale ripristino del normale funzionamento dell'organismo comporta un costante miglioramento della salute anziché un progressivo deterioramento, poiché il corpo è geneticamente programmato per essere sano.La possibilità di produrre salute anziché malattia è nelle nostre mani, ed è molto più piacevole, più facile e più appagante di quanto non s'immagini.

Alla vostra salute!


 Riferimenti bibliografici

1.     Healthy living is the best revenge Archives of Internal Medicine Aug. 2009 

2.     www.diabetes.niddk.nih.gov/dm/pubs/preventionprogram/index.aspx   

3.     Reduction in the incidence of type 2 diabetes with lifestyle intervention or metformin. N Engl J Med. 2002 Feb 7 
 
4.     Is the use of cholesterol in mortality risk algorithms in clinical guidelines valid? Ten years prospective data from the Norwegian HUNT 2 study 
 
 
 
Avete domande su Metabolomica? Contattaci