Sindrome dell`intestino irritabile (Colite spastica)



Sindrome dell'intestino irritabile
(Colite spastica)



Dott. Dimitris Tsoukalas

 La sindrome dell'intestino irritabile, o colite spastica, è una delle condizioni più comuni per le quali una persona si rivolge medico. Circa 1 su 6 oggi soffre di questo disturbo nella funzione del colon[1].

I sintomi più comuni includono dolore addominale, gonfiore, gas, diarrea, costipazione e muco nelle feci.

È una malattia ricorrente cronica che, sebbene non sia pericolosa per la vita, influisce in modo significativo sulla qualità della vita delle persone affette.

I principali fattori coinvolti nello sviluppo dei sintomi dell'intestino irritabile sono:
 

  • Cambiamento nella composizione del microbioma intestinale.
     
  • Consumo di alimenti che provocano fermentazione e aumento della produzione di gas.
     
  • Sviluppo di infiammazioni locali a livello della parete intestinale.
     
  • Disturbo della normale motilità intestinale con contrazioni, diarrea o costipazione, distensione addominale e dolore.
 
Le persone che presentano i suddetti sintomi potrebbero dover essere sottoposte a un controllo diagnostico, per escludere altre condizioni, ma nella maggior parte dei casi non viene rilevata alcuna malattia specifica. La sindrome dell'intestino irritabile non causa modifiche a carico dei tessuti intestinali e non aumenta il rischio di cancro al colon[2].

Nella maggior parte dei casi, una parte significativa dei sintomi può essere controllata con un intervento medico nella gestione della dieta, dello stile di vita e delle carenze specifiche dell'organismo.2[3][4][5][6][7][8][9][10]. Una piccola percentuale di pazienti, che presentano sintomi più gravi, potrebbe aver bisogno di terapia farmacologica per alleviare i sintomi.2.


 Causa

 La sindrome dell'intestino irritabile è dovuta a molteplici fattori. Ma uno di questi è considerato dominante nello sviluppo della maggior parte dei sintomi. È un disturbo nella funzione delle cellule che rivestono l'interno dell'intestino.




Immagine 1. Gli enterociti pur consentendo l'assorbimento dei nutrienti,  fungono da barriera tra il contenuto intestinale da scartare e il flusso sanguigno.


 Funzione della mucosa intestinale

 La mucosa intestinale è ricoperta da cellule chiamate epiteliali e sono unite tra loro con legami speciali. Questi legami collegano ermeticamente le cellule epiteliali tra loro e sono chiamati "legami forti".

Normalmente, la mucosa funge da barriera tra il contenuto intestinale e il flusso sanguigno. Il contenuto intestinale non penetra liberamente nella mucosa intestinale. I forti legami che uniscono le cellule epiteliali impediscono a sostanze chimiche, batteri, farmaci e allergeni alimentari di entrare nel flusso sanguigno. Questo meccanismo protegge il corpo da elementi dannosi che sono entrati nell'intestino, quando non dovrebbero.

Le cellule epiteliali esplicano una duplice funzione:
 

  1. Assorbire selettivamente nutrienti utili all'organismo, che vengono poi trasportati dall'intestino al sangue.
     
  2. Impedire l'ingresso di sostanze nocive e microorganismi patogeni dall'intestino nel flusso sanguigno.
 
L'insieme dei microrganismi presenti nell'intestino è chiamato flora intestinale. La flora intestinale svolge un ruolo fondamentale nella nutrizione delle cellule epiteliali, nel completamento della digestione e nella più ampia regolazione dell'ambiente intestinale.




Immagine 2. I legami forti (punti blu) collegano le cellule epiteliali, che coprono la superficie dell'intestino. L'alterazione dell'equilibrio della flora intestinale e di alcuni alimenti provoca l'indebolimento dei legami forti. Alexander C. Ford. N Engl J Med 2017; 376: 2566-2578, modificata.


 Come si verifica il danno a carico della mucosa intestinale

 Alcuni alimenti che contengono glutine o alcuni zuccheri che sono difficili da scindere nell'intestino, portano ad un aumento della concentrazione di microrganismi patogeni. In individui suscettibili, i microbi patogeni danneggiano i forti legami che legano le cellule epiteliali9-[11].

A causa del danneggiamento dei legami forti, la mucosa intestinale perde la sua coesione, con il risultato che microbi, allergeni e sostanze chimiche penetrano nelle cellule epiteliali ed entrano nel flusso sanguigno. Questa disfunzione è descritta come aumento della permeabilità intestinale o sindrome da alterata permeabilità intestinale.




 Immagine 3. L'aumento della permeabilità intestinale porta a un'infiammazione locale. 


L'aumento della permeabilità della mucosa intestinale, provoca infiammazione locale, accumulo di globuli bianchi e rilascio di sostanze che alimentano ulteriormente l'infiammazione (istamina, serotonina, ecc.)[11] .
 
Le sostanze che alimentano l'infiammazione, hanno un effetto negativo sulla componente nervosa e muscolare del tratto gastrointestinale. Così, in alcune parti dell'intestino si ha delle contrazioni, mentre in altre si riduce la normale motilità dell'intestino. Il risultato è che la persona avverte sintomi di dolore addominale, aumento o diminuzione della velocità di passaggio del contenuto intestinale e conseguente diarrea o costipazione.




Immagine 4. I disturbi della mucosa intestinale svolgono un ruolo chiave nell'insorgenza della sindrome dell'intestino irritabile. Alexander C. Ford. N Engl J Med 2017; 376:2566-2578, modificata.
 
 
Parte della sensazione di gonfiore e distensione addominale è dovuta alla produzione aumentata di gas durante la digestione. Normalmente, la digestione produce gas come idrogeno, anidride carbonica e metano. Tuttavia, i cambiamenti nel microbioma intestinale e l'aumento del consumo di alimenti come zucchero, alcol, farine elaborate, alcuni tipi di frutta e verdura, provocano una maggiore fermentazione e un'eccessiva produzione di gas intestinali, che aggrava ulteriormente la distensione e i sintomi intestinali.


Dieta

 Uno dei modi in cui le persone con sindrome dell'intestino irritabile cercano di gestire i loro sintomi è attraverso il controllo della dieta. Fino a poco tempo, un approccio terapeutico comune era quello di evitare cibi che causano sintomi, nonché di evitare il glutine.[9,11].

Sappiamo che alcuni alimenti possono causare sintomi gastrointestinali come gas, diarrea, gonfiore e malessere. Tali alimenti includono latte e altri prodotti lattiero-caseari, legumi, alcune verdure come i broccoli, alcuni tipi di frutta e cereali, in particolare il grano e la segale.[12].

Molti di questi sono noti come "cibi gassosi" e si consiglia di evitarli in caso di flatulenza e gonfiore eccessivi. Fino a poco tempo, tali alimenti facevano parte di varie diete, senza alcun collegamento basato sul loro contenuto di alcuni ingredienti comuni.

Tuttavia, negli ultimi decenni sono stati identificati gli ingredienti esatti che causano queste reazioni[11,12]. Questo è un gruppo di zuccheri descritto dalla sigla FODMAP. La dieta sviluppata eliminandoli è stata denominata "Dieta a basso contenuto di FODMAP" e ha ottimi risultati nella gestione dei sintomi dell'intestino irritabile[9,11].


 Dieta a basso contenuto di FODMAP

FODMAP sono le iniziali di un gruppo di zuccheri presenti in molti alimenti come grano, latticini, frutta, legumi, verdure, noci e dolcificanti.

F - Fermentable: che possono essere fermentati
O - Oligosaccharides: Oligosaccaridi (zuccheri presenti in alcuni tipi di frutta, legumi e latticini)
D - Disaccharides: Disaccaridi (lattosio)
M - Monosaccharides: Monosaccaridi (fruttosio)
UN - And: E
P - Polyols: Polioli (sorbitolo, maltitolo, eritritolo, xilitolo)

 Si tratta di zuccheri che l'intestino tenue non riesce a digerire e ad assorbire completamente. Quando passano nell'intestino crasso, aumentano la quantità di liquidi ritenuti, così come la produzione di gas intestinali. Questo perché questi zuccheri sono facilmente fermentati dai batteri presenti nell'intestino crasso.

Una maggiore quantità di liquidi e gas nell'intestino, porta a gonfiore e cambiamenti nella velocità di digestione del cibo. Ciò si traduce in gas, dolore e diarrea. Il consumo di minori quantità di questo tipo di carboidrati può ridurre questi sintomi.

Degli studi hanno dimostrato che una dieta a basso contenuto di FODMAP migliora i sintomi della sindrome dell'intestino irritabile. Il 76% dei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile ha riportato un miglioramento dei sintomi[9].


 Alimenti ad alto contenuto di FODMAP
  

  • Lattosio
     Latte vaccino, yogurt commerciale, creme, gelati, ricotta, crema di formaggio, ricotta e mascarpone.

  • Fruttosio
     Frutta come mele, pere, pesche, ciliegie, mango e anguria.
    Dolcificanti come miele, nettare di agave, melassa e marmellate.
    Prodotti con sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio.

  • Fruttani: è catene di fruttosio contenute in alcuni alimenti vegetali come il grano, l'aglio, la cipolla, la segale, l'anguria, gli anacardi ecc.
     Verdure come i carciofi, gli asparagi, i cavoletti di Bruxelles, i broccoli, le barbabietole, l'aglio e le cipolle.
    Cereali / farine come il grano, la segale, il farro, l'orzo e e tipi di pasta preparati con le farine corrispondenti.
    Frutta a guscio come anacardi e tahini
     Fibre aggiuntive, come l'inulina.

  • Oligosaccaridi del latte
     Ceci, lenticchie, fagioli e prodotti a base di soia.
    Verdure, come i broccoli.

  • Polioli
     Frutta come le mele, le albicocche, i mirtilli, le ciliegie, le nettarine, le pere, le pesche, le prugne e l'anguria.
    Verdure come il cavolfiore, i funghi e i piselli.
    Dolcificanti, come il sorbitolo, il mannitolo, lo xilitolo, il maltitolo e l'isomaltitolo, presenti nelle gomme da masticare senza zucchero, nelle caramelle e nei medicinali per la tosse.
 

Alimenti a basso contenuto di FODMAP
  

  • Latticini
     Latte di mandorla, latte di cocco, yogurt fatto in casa fermentato 24 ore, formaggi a pasta dura come la feta e il brie

  • Frutta
     Lamponi, kiwi, limoni, arance, fragole, meloni, pompelmi, banane.

  • Verdure
     Carote, cetrioli, zenzero, lattuga, olive, melanzane, erba cipollina, bambù, cavolo cinese, cipolline e rape.

  • Proteine
    Di manzo, agnello, capra, maiale, pollo, pesce, uova e prosciutto.

  • Frutta a guscio (fino a 10-15)
     Mandorle, noci di macadamia, pistacchi, pinoli e noci.

  • Cereali / Semi
     Avena, crusca d'avena, crusca di riso, pasta senza glutine come il grano saraceno, la quinoa, il riso bianco, la farina di grano saraceno e la quinoa.
 
La logica alla base di una dieta a basso contenuto di FODMAP è di limitare gli il consumo di alimenti problematici appartenenti a una categoria, non a tutte.

La dieta FODMAP dovrebbe essere impiegata sotto la supervisione di un nutrizionista. Inizialmente, i FODMAP vengono eliminati dalla dieta. Quindi vengono aggiunti di nuovo gradualmente, uno alla volta, e vengono monitorati i sintomi. Una persona può eventualmente tollerare alcuni cibi meglio di altri. Dopotutto, molti di loro sono benefici per la salute.

È interessante notare che gli stessi zuccheri FODMAP hanno spesso un effetto prebiotico, cioè agiscono da substrato per la crescita di batteri normalmente innocui nell'intestino e regolano la composizione della flora intestinale[13]. Pertanto, l'aggiunta graduale di FODMAP in piccole quantità, consente la crescita di batteri nell'intestino, che possono digerire questo tipo di zucchero e quindi si può eventualmente aumentare la quantità e il numero di alimenti che possono essere tollerati.


Probiotici

 La flora intestinale partecipa alle funzioni vitali legate all'intestino, ma anche a tutto l'organismo, come:
 

  • Nutrizione delle cellule epiteliali della mucosa intestinale.
     
  • Mantenimento di un pH intestinale normale.
     
  • Digestione e assorbimento del cibo.
     
  • Regolazione della normale motilità dell'intestino, attraverso la produzione di serotonina e altre sostanze che agiscono sul sistema nervoso enterico, ma anche sul sistema nervoso centrale.
     
  • Regolazione della funzione del sistema immunitario.
 
L'alterazione della composizione della flora intestinale svolge un ruolo chiave nello sviluppo della sindrome dell'intestino irritabile. Pazienti affetti da sindrome dell'intestino irritabile mostrano una ridotta presenza di batteri normalmente innocui e una crescita eccessiva di agenti patogeni[11][14].

Un numero significativo di studi ha evidenziato gli effetti benefici dei probiotici. I probiotici migliorano significativamente i sintomi di gonfiore, costipazione, diarrea e distensione addominale[15][16][17].

I dati disponibili mostrano che la somministrazione di probiotici ha risultati significativamente migliori quando si utilizzano preparati con un numero maggiore di microbi diversi (ceppi microbici), rispetto ai probiotici contenenti un singolo ceppo.[18].


 Carenze associate alla sindrome dell'intestino irritabile: di vitamina D, zinco, glutammina


Zinco

 Pazienti affetti da sindrome dell'intestino irritabile necessitano di interventi medici complementari, sia per compensare carenze comuni a questo disturbo intestinale, sia perché l'uso di micronutrienti a dosi terapeutiche può migliorare i sintomi.

Una carenza comune è quella dello zinco. Lo zinco è essenziale per il corretto funzionamento del sistema immunitario, del sistema nervoso e per il mantenimento dell'integrità della mucosa intestinale. È anche coinvolto nella sintesi e secrezione di sostanze come la serotonina, la dopamina e altre, che regolano la funzione del sistema nervoso. Pertanto, la sua carenza può essere associata a sforzi eccessivi, difficoltà a dormire, concentrarsi e aumentata sensibilità al dolore.

La mancanza di questo minerale è particolarmente importante, perché perpetua i meccanismi patologici della sindrome e perché influisce negativamente sulla componente psicogena della malattia.[3].

Inoltre, la carenza di zinco interrompe la motilità intestinale e influisce negativamente sulla flora intestinale, sulla capacità della mucosa di guarire e sulla gestione dell'infiammazione.


Vitamina D

 La carenza di vitamina D si riscontra frequentemente in pazienti affetti da sindrome dell'intestino irritabile.
La vitamina D è essenziale per il buon funzionamento dei legami forti e la sua somministrazione riduce la permeabilità intestinale[19].

Sempre più prove suggeriscono che l'integrazione di vitamina D migliora significativamente i sintomi della sindrome dell'intestino irritabile quali gonfiore, diarrea e costipazione e la qualità della vita.[4-6].

A tutti i pazienti affetti da sindrome dell'intestino irritabile si consiglia di essere controllati per eventuali carenze di vitamina D. Uno studio pubblicato su Nature - European Journal of Clinical Nutrition afferma che alla stragrande maggioranza di questi pazienti dovrebbero essere somministrati integratori di vitamina D[4,5].


 Glutammina

 La glutammina è un amminoacido. Gli aminoacidi sono nutrienti che compongono le proteine nell'organismo. La glutammina è essenziale per il corretto funzionamento della mucosa intestinale ed è il carburante più importante per le cellule intestinali, ma anche per le cellule del sistema immunitario.[19].

Sebbene assumiamo glutammina attraverso la dieta, il corpo umano può normalmente sintetizzarne quantità sufficienti per soddisfare la maggior parte dei suoi fabbisogni. Tuttavia, in condizioni di stress, può verificarsi una carenza di glutammina, come nel caso di:
 

  • Infezioni
     
  • Esercizio intenso
     
  • Stress psicogeno intenso
     
  • Radioterapia
     
  • Chemioterapia
     
  • Trauma grave
     
  • Riabilitazione postoperatoria
 
Molti studi hanno dimostrato che la glutammina riduce l'infiammazione intestinale[19]. Un recente studio clinico ha dimostrato che la sua somministrazione può aiutare in modo efficace e sicuro in casi di sindrome dell'intestino irritabile che si sono manifestati dopo un'infezione microbica intestinale.[20].

Oltre a garantire la sopravvivenza e la crescita dell'organismo, i nutrienti svolgono anche un ruolo importante nel mantenimento del corretto funzionamento della mucosa intestinale.[19].

Numerosi studi hanno dimostrato che nutrienti come le vitamine, i probiotici, gli amminoacidi, i minerali e gli acidi grassi:
 

  1. Svolgono un ruolo importante nel mantenimento dell'integrità dell'epitelio intestinale.
     
  2. Regolano la funzione della barriera epiteliale intestinale.
     
  3. Regolano il funzionamento fisiologico del sistema immunitario nell'intestino.
 
La supplementazione migliora la disfunzione della mucosa nei pazienti con disturbi gastrointestinali.[19].


 In conclusione

 La sindrome dell'intestino irritabile è una malattia multifattoriale, che rende praticamente impossibile risolverla gestendo i fattori in maniera individuale.

È normale che i pazienti affetti dalla sindrome dell'intestino irritabile cerchino di evitare determinati cibi, ma ciò non corregge il deterioramento della flora intestinale né garantisce che altri cibi che mangiano non contengano un ingrediente che peggiora i loro sintomi. Le possibili combinazioni sono praticamente infinite e rendono particolarmente difficile ottenere un miglioramento a lungo termine.

Gradualmente, la persona abbandona il tentativo di migliorare la funzione del suo intestino e decide che deve conviverci.

Oggi, tuttavia, la sindrome dell'intestino irritabile non è più considerata una condizione irrisolvibile e con interventi medici mirati sullo stile di vita, l'alimentazione e le carenze dell'organismo, nella maggior parte dei casi è possibile ottenere un miglioramento significativo e a lungo termine.
 

Bibliografia



[1] Irritable Bowel Syndrome (IBS) Medscape, updated: Dec 11, 2019. Jenifer K Lehrer, MD; Chief Editor: Anand, MD.
[2] Irritable bowel syndrome. Symptoms & causes. Mayo Clinic. Jul 2020.
[3] Nutritional Deficiencies in Irritable Bowel Syndrome: A North American Population-Based Study. Hujoel, Isabel A. Mayo Clinic Rochester, MN. American Journal of Gastroenterology: October 2019.
[4] Vitamin D status in irritable bowel syndrome and the impact of supplementation on symptoms: what do we know and what do we need to know? Claire E. Williams, Elizabeth A. Williams & Bernard M. Corfe. Nature, European Journal of Clinical Nutrition, Jan. 2018.
[6] Vitamin D associates with improved quality of life in participants with irritable bowel syndrome: outcomes from a pilot trial. Simon Tazzyman et. al. Dec 2015. BMJ Open Gastroenterology.
[7] Probiotics in Irritable Bowel Syndrome: An Up-to-Date Systematic Review. Nutrients Sept. 2019. Hanna Fjeldheim Dale et. al.
[8] Effectiveness of Probiotics in Irritable Bowel Syndrome: Updated Systematic Review With Meta-Analysis Tina Didari et. al. World J Gastroenterol. 2015
[9] Try a FODMAPs diet to manage irritable bowel syndrome. Harvard Health, September 17, 2019.
[10] Diet in irritable bowel syndrome. Magdy El-Salhy, Doris Gundersen. Nutrition Journal. Springer Nature, 2015.
[11] Irritable Bowel Syndrome. Alexander C. Ford, M.D., Brian E. Lacy, M.D., and Nicholas J. Talley, M.D., Ph.D. N Engl J Med 2017.
[12] History of the low FODMAP diet Peter R Gibson. J Gastroenterol Hepatol. 2017 Mar.
[13] Probiotics and prebiotics in intestinal health and disease: from biology to the clinic Mary Ellen Sanders, Daniel J. Merenstein, Gregor Reid, Glenn R. Gibson & Robert A. Rastall. Nature Reviews Gastroenterology & Hepatology.
[14] Management of Chronic Abdominal Distension and Bloating Brian E. Lacy et. al. Clinical Gastrenterology & Hepatology. April 01, 2020.
[15] American College of Gastroenterology monograph on the management of irritable bowel syndrome and chronic idiopathic constipation. Ford AC, Moayyedi P, Lacy BE, et. al. Am J Gastroenterol 2014.
[16] altered molecular signature of intestinal microbiota in irritable bowel syndrome patients compared with healthy controls: A systematic review and meta-analysis Hai-Ning Liu Hao Wu. et.al. Digestive and Liver Disease, January 21, 2017.
[17] Randomized clinical trial: the effect of probiotic Bacillus coagulans Unique IS2 vs. placebo on the symptoms management of irritable bowel syndrome in adults Ratna Sudha Madempudi, Jayesh J. Ahire, Jayanthi Neelamraju, Anirudh Tripathi & Satyavrat Nanal. Nature Scientific Reports. 21 August 2019.
[18] Probiotics in Irritable Bowel Syndrome: An Up-to-Date Systematic Review Hanna Fjeldheim Dale et.al. Nutrients . 2019 Sep.
[19] Intestinal Permeability, Inflammation and the Role of Nutrients Ricard Farré et. al. Nutrients. 2020 Apr.
[20] Randomised placebo-controlled trial of dietary glutamine supplements for postinfectious irritable bowel syndrome QiQi Zhou et. al. Gut . 2019 Jun.
[21] Metabolic profiling of organic and fatty acids in chronic and autoimmune diseases. Evangelia Sarandi, Maria Thanasoula, Chrisanthi Anamaterou, Evangelos Papakonstantinou, Franco Geraci, Maria Michelle Papamichael, Catherine Itsiopoulos, Dimitris Tsoukalas. Advances in clinical chemistry (ElsevIer) 2020, in print.   
[22] Chronic Inflammation in the Context of Everyday Life: Dietary Changes as Mitigating Factors. Margină, D.; Ungurianu, A.; Purdel, C.; Tsoukalas, DInt J Environ Res Public Health . 2020. 

Avete domande su Metabolomica? Contattaci